Lo scorso 9 marzo è stato firmato da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, l’accordo siglato il 28 febbraio 2018, contenente le linee-guida delle nuove relazioni industriali e della contrattazione collettiva che sarà applicata nel prossimo futuro, linee capaci di migliorare la competitività dell’impresa nonché i diritti dei lavoratori.

L’attuale evoluzione del mercato del lavoro ha, infatti, fatto emergere la necessità di modernizzare i modelli delle relazioni industriali, chiamati a regolare i processi di innovazione che si stanno verificando nelle aziende italiane e non.

Innanzitutto, il testo dell’accordo contiene disposizioni volte a contrastare la sottoscrizione dei contratti aziendali da parte di associazioni in realtà prive di rappresentanza (il c.d. dumping contrattuale), stabilendo la quantificazione degli iscritti alle associazioni, datoriali e sindacali, che stipulano i contratti, così da poterne verificare la rappresentatività.

Sulla contrattazione, poi, l’accordo sottolinea l’importanza della contrattazione collettiva, sancendo la distinzione – anche pro futuro – tra contratti nazionali, aventi lo scopo di definire i trattamenti economici di base, di stabilire eventuali iniziative bilaterali e di incentivare la contrattazione di secondo e terzo livello, e contratti aziendali, che devono occuparsi invece di individuare i trattamenti economici a latere, legati alla produttività e agli obiettivi di sviluppo dell’azienda.

L’altro aspetto importantissimo dell’accordo riguarda il welfare aziendale, riconosciuto strumento fondamentale nel mercato del lavoro odierno.

Il trattamento economico complessivo dei lavoratori sarà costituito e ricompenderà anche delle forme di welfare, che, se previste nel CCNL, saranno comuni a tutti i lavoratori del settore.

Peraltro, i termini utilizzati nell’accordo suggeriscono che il welfare aziendale dovrà essere sempre più integrato e coordinato col welfare pubblico, col quale dovrà, appunto, dialogare (come, ad esempio, la possibilità che i servizi a disposizione dei lavoratori siano accessibili anche al resto della comunità).

Viene inoltre richiamata la necessità di coordinamento delle iniziative assunte, possibilmente con accordi a livello interconfederale che contengano le linee di attuazione degli interventi chiave del welfare aziendale, come ad esempio, l’assistenza sanitaria integrativa o la previdenza complementare.

Infine, l’accordo prende espressamente in considerazione il ruolo della previdenza complementare, il cui necessario rafforzamento impone nuovi confronti con le istituzioni, volti a veicolare la crescita degli iscritti e i minori costi di gestione delle prestazioni da parte dei fondi.

 

Accordo Confindustria CGIL CISL UIL 9.3.2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi