Nella Gazzetta ufficiale del 27.6.2018 é stato finalmente pubblicato il decreto 11 maggio 2018, con il quale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dato attuazione all’articolo 1, comma 220, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di bilancio 2018).

Tale decreto attribuisce, alle cooperative sociali che assumono nel 2018 a tempo indeterminato donne vittime di violenza di genere e sottoposte a un percorso di protezione, un’agevolazione, prevedendo l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali fino a un massimo di 350 euro al mese per un massimo di 36 mesi (fino al 2020).

Poiché le risorse stanziate ammontano ad un milione di euro per ciascuno degli anni contributivi, gli sgravi saranno riconosciuti dall’INPS in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande, salvo diverse istruzioni dell’Istituto, e sempre nei limiti dello stanziamento annuale. Sono invece esclusi dallo sgravio i premi e i contributi INAIL.

Per l’ammissione al beneficio, le cooperative dovranno produrre una certificazione del percorso di protezione della lavoratrice, certificazione che può essere rilasciata dai servizi sociali del comune di residenza, dai centri anti-violenza e dalle  case-rifugio.

 

D. Min. Lav. 11.5.18

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi