Con sentenza n. 1663/2020, la Suprema Corte ha statuito che ai riders – cosiddetti i ciclofattorini -, pur non essendo lavoratori dipendenti, si applicano alcune delle tutele tipiche del lavoro subordinato.

Secondo i Giudici della legittimità, se il rapporto di collaborazione autonoma è svolto con una modalità di erogazione della prestazione continuativa, se l’attività è prestata personalmente ma etero organizzata dal committente con riferimento alle tempistiche e al luogo di lavoro, al rapporto deve applicarsi la disciplina del rapporto di lavoro subordinato.

Questo poiché una tal etero organizzazione è talmente incisiva nel rapporto da rendere il lavoratore autonomo comparabile a un lavoratore dipendente, con la necessità di assicurargli le medesime tutele.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi